SEO su Amazon

La maggior parte del commercio di beni e servizi, al giorno d’oggi, passa attraverso il web. Si sono moltiplicati gli shop on line e il canale di vendita informatico è preferito da moltissime aziende che vogliono ampliare il loro parco clienti. Secondo le statistiche c’è però un e-commerce che la fa da padrone su tutti gli altri, e si tratta di Amazon. Affinché i propri prodotti abbiano però visibilità su Amazon è necessario lavorare sulla SEO (Search Engine Optimization) e quindi conoscere nel dettaglio il funzionamento della SEO su Amazon.

Richiedi informazioni

Quali sono i fattori di ranking su Amazon

Quando si parla di SEO in generale il primo pensiero corre a Google, ma un criterio di organizzazione interno dei contenuti esiste anche in Amazon. Il ranking, vale a dire il posizionamento di un prodotto, viene dato da alcuni specifici criteri che hanno uno scopo principale: la vendita. Le keywords, o parole chiave, sono ovviamente di fondamentale importanza per la SEO su Amazon. Quando si effettua una ricerca sull’apposita barra del sito, a seconda di quali parole si digitano appariranno risultati diversi. Quindi è molto importante inserire nella descrizione del prodotto e del venditore delle parole che consentano all’acquirente di individuare con maggiore facilità la categoria merceologica che sta cercando. Ma non sono solo le keyword a determinare il ranking di un prodotto e di un venditore. Per la SEO su Amazon sono di fondamentale importanza anche le performance registrate, vale a dire le vendite piazzate e le recensioni dei clienti. Più un prodotto è stato venduto, più apparirà in alto nei risultati di ricerca. Riguardo alle recensioni, su Amazon è possibile dare ad ogni articolo un numero di “stelline” che indicano il grado di soddisfazione degli acquirenti. Più stelline ha un prodotto, più in alto apparirà nei risultati di ricerca.

SEO: differenze tra Amazon e Google

Quindi, in un certo senso, la “mente artificiale ” che governa la SEO su Amazon è simile a quella che governa Google, che è in assoluto il motore di ricerca più usato. Ma ci sono delle differenze sostanziali, che nascono dal diverso scopo per cui sono stati creati questi due colossi dell’informatica. Google ha scopo informativo, e la sua finalità è di fare pubblicità attraverso i banner. Amazon ha scopo commerciale, il suo fine è quello di vendere i prodotti. Amazon ha un’importanza enorme per ogni venditore che voglia allargare la sua platea di acquirenti. Si calcola che il 90% delle persone, ormai, compri usando Amazon, che è il sito di e-commerce numero due al mondo, dopo Alibaba, e primo in occidente. Per questo chi cerca un prodotto da acquistare non usa Google, ma spesso e volentieri fa direttamente la ricerca su Amazon. Se cerca un prodotto su Google, facilmente il primo risultato che gli verrà mostrato sarà una pagina di Amazon.

Questo perché Google premia i siti considerando alcuni fattori che riguardano soprattutto la pertinenza dei contenuti con la parola cercata: quindi i valori considerati dal sistema di ranking di Google sono il numero di click e il CTR (click-trough rate, ovvero il numero di click sui banner pubblicitari), oltre che il tempo di permanenza in generale sul sito e, nello specifico, su una pagina. Per la SEO su Amazon, invece, sono diversi i criteri utilizzati, e riguardano il valore di ogni acquisto e il numero di transazioni che vengono effettuate. Posizionarsi più in alto su Amazon significa avere maggiori possibilità di vendita, ma è il numero di vendite effettive che fa salire nella classifica dei risultati visualizzati. Ciò non vuol dire che non abbia importanza il modo in cui una scheda prodotto viene compilata: più è chiara e precisa, maggiori possibilità si hanno di essere uno dei primi risultati che verranno visualizzati.

fare SEO su Amazon

 

SEO su Amazon: le migliori strategie per posizionare i propri prodotti

Viste le premesse, a questo punto è abbastanza facile capire quali sono i criteri da seguire per compilare una scheda di prodotto che permetta di raggiungere le posizioni più alte tra i risultati di ricerca, di avere quindi maggiori visualizzazioni e più possibilità di portare a termine la vendita. Per sfruttare al massimo la SEO su Amazon si deve lavorare sulle keywords, che devono essere inserite in modo corretto nel titolo e nella descrizione del prodotto, insieme alle parole correlate che si possono scoprire confrontandosi con altri prodotti simili già in vendita su Amazon. Il confronto con i competitor è un altro aspetto da considerare: osservando come sono composte le schede dei prodotti simili al proprio che hanno avuto il maggior volume di vendita, e le recensioni maggiormente positive, si potrà strutturare al meglio la propria scheda.

Il prezzo non riveste un’importanza secondaria: spesso nella ricerca vengono mostrati per primi i prodotti più economici. Non bisogna trascurare l’importanza delle foto: una foto ben fatta, di buona qualità e di giuste dimensioni, offrirà sempre maggiori risultati di una foto sgranata che non permette all’acquirente d valutare con sufficiente chiarezza la natura dell’oggetto. Se il prodotto deve essere descritto con parole chiave e ben determinate, non meno importante è la presentazione del venditore, che deve essere a sua volta molto chiara per ispirare fiducia. Questi sono gli aspetti su cui lavorare: l’algoritmo di Amazon poi deciderà il posizionamento del prodotto che, man mano che verrà venduto, salirà nei risultati di ricerca. L’ultimo aspetto da considerare riguarda la navigazione di un utente iscritto ad Amazon: l’algoritmo, in questo caso, lavorerà sulle sue preferenze, mostrando per primi gli articoli già acquistati o visionati.

Richiedi informazioni

Dal blog di Nextre
Gli ultimi articoli
vai al blog