Lead Generation: differenza tra single opt-in e double opt-in

Differenza del metodo single opt-in o double opt-in per la lead generation

Che cosa si intende per lead generation

Con il termine lead generation si fa riferimento ad una mossa di marketing volta all’acquisizione di nuovi clienti sfruttando le potenzialità del web. Oggi infatti sono sempre di più le aziende che per far conoscere i propri prodotti e servizi usano internet nella speranza di attirare il maggior numero possibile di persone sulle proprie pagine e generare così numerosi lead. Lo scopo principale della lead generation è dunque quello di trasformare il visitatore in un potenziale cliente dell’azienda, inserendolo all’interno di una lista di contatti targettizzati. In questo modo non sarà l’azienda a mettersi in contatto con i potenziali clienti, ma saranno i potenziali clienti stessi ad aprire un canale di comunicazione con l’azienda fornendole i propri dati di contatto. In definitiva la lead generation rappresenta un vantaggio sia per il cliente, che riceve comunicazioni in base ai propri reali interessi, sia per l’azienda, che può utilizzare questo canale per entrare in diretto contatto con il pubblico interessato ai suoi prodotti e servizi. Nella scelta di una buona strategia di lead generation però bisogna anche tener conto della differenza tra single opt-in e double opt-in come metodo di contatto.

Vantaggi del metodo single opt-in

La sostanziale differenza tra single opt-in e double opt-in sta nel fatto che con il primo metodo il cliente effettua una registrazione, ad un sito o ad una newsletter, con un solo ed unico clic, mentre con il secondo metodo il cliente si trova a dover confermare l’iscrizione dopo aver ricevuto dall’azienda un’e-mail di conferma. I vantaggi del metodo single opt-in sono immediatamente evidenti: non dovendo confermare l’iscrizione il numero dei clienti che abbandonano il processo è minore e di conseguenza sale il numero delle conversioni. La semplificazione del processo di iscrizione non deve però far pensare ad un database ricolmo di contatti non verificati. Esistono infatti delle procedure alternative per la verifica dei contatti e-mail, come ad esempio la richiesta di confermare l’indirizzo di posta elettronica, l’uso di programmi in grado di verificare l’autenticità del dominio e dell’account dell’indirizzo e-mail inserito ed infine l’utilizzo di e-mail di re-engagement per spingere i clienti ad interagire con l’azienda o rimuovere i propri dati dalla lista targettizzata.

differenza tra single opt-in e double opt-in

Vantaggi del metodo double opt-in

A differenza del metodo single opt-in, che offre risultati visibili nel breve tempo, il metodo double opt-in è rivolto a risultati visibili nel medio-lungo periodo. L’obiettivo del metodo double opt-in è infatti quello di creare engagement con la lista di contatti targettizzata attraverso la raccolta di indirizzi e-mail verificati ed utenti che hanno un rapporto attivo con l’azienda. Rispetto ai clienti del single opt-in, i clienti del double opt-in mostrano un maggior coinvolgimento con l’azienda, perché accettano di ricevere più di una singola comunicazione già in fase iniziale di registrazione. Questo significa che il database di contatti creato, sebbene minore rispetto a quello del single opt-in, avrà maggiori possibilità di fidelizzazione della potenziale clientela. Un altro importante vantaggio del metodo double opt-in è la riduzione del tasso di bounce e di segnalazione spam. In altre parole, utilizzando il metodo double opt-in diminuirà il numero degli utenti intenzionati ad abbandonare la navigazione del sito dopo alcuni secondi o minuti e allo stesso modo sarà inferiore il numero degli utenti che segnaleranno come spam le comunicazioni, anche frequenti, da parte dell’azienda, evitando così di intaccarne la reputazione.

La sostanziale differenza tra single opt-in e double opt-in ci consente di scegliere la strategia migliore per il cliente quando creiamo campagne di Lead Generation

Richiedi Informazioni