Film per programmatori. Una top 6 da amare

Esistono diversi film per programmatori. Sono quelli che non smetteresti mai di vedere per la loro visione del mondo in versione HTML.

Ci sono dei pro e dei contro della tecnologia applicati alle nostre vite:

PRO
• Sul web puoi trovare lavoro
• La tua creatività si può confrontare con quella di tutto il mondo
• Puoi creare facilmente un avatar di te stesso sui social: bellissimo, interessantissimo, simpaticissimo
• Rimorchi di più
• Aumenti la visione di film

CONTRO
• I datori di lavoro che trovi sul web, molto spesso non ti pagano
• Tutti i lavori creativi che vedi sono sempre più belli dei tuoi
• Le persone credono che tu sia bellissimo, interessantissimo, simpaticissimo anche se in realtà non lo sei
• L’amore, quello vero, non esiste più
• La metà dei film che vedi in più sono da dimenticare.

Ma questi film per programmatori sono scelti appositamente per non deludere le tue aspettative geek.

1) Il tagliaerbe.

Probabilmente il primo film sulla realtà virtuale, nel momento storico in cui faceva la sua prima comparsa. Decisamente sopravvalutato, ma ogni tanto vederlo strappa qualche risata.

2) Matrix.

La vita, per come la conosciamo, non esiste. Stiamo tutti vivendo in un programma per pc. Matrix ha il merito di averci “aperto la testa” e avervi ficcato dentro un concetto di “virtuale” del tutto nuovo, per quei tempi, dove internet non era Facebook e gli effetti speciali non erano poi un granché.
Gli uomini saranno soddisfatti per la presenza di teorie geeky, mentre le donne avranno Keaunu Reeves. (P.S. evitate la visione degli altri due Matrix della trilogia: sono dei film banalotti di resistenza fantascientifica su astronavi e rave nelle caverne e hanno in loro l’errore di sistema più grosso di tutti. Lei, la peggiore attrice della storia: Monica Bellucci.)

3) I Pirati della Silicon Valley.

Sapete come è iniziato tutto? Questo film racconta di quando Bill Gates e Steve Jobs erano giovani e belli. Racconta anche la storia di come è stato creato Windows e il MAC e perché sono così simili e diversi allo stesso tempo.

4) The social network.

I nostri genitori si sono conosciuti a qualche festa. Oggi gli incontri avvengono su Facebook . Grazie a Mark Zukerberg, che con le sue ciabatte da piscina, è diventati uno degli uomini più ricchi e influenti del mondo. Come? Inventando Facebook. Però forse non l’ha inventato proprio da solo.

5) Her.

La storia di uomo e del rapporto con il suo sistema operativo, un’intelligenza artificiale innovativa. Un sistema operativo capace non solo di imparare o di pensare, mutare, insomma non solo capace di adattarsi ai piaceri e ai gusti dell’utente; no, questo nuovo sistema sa crescere, sa fare domande, vuole sapere. In definitiva, vuole essere. E amare.

6) Gli stagisti.

Non credo esista, a memoria di uomo, un product placement meglio riuscito di questo.
Neanche The social network, il biopic di Facebook di cui parlo sopra.
Questo è il film di, a, da, in, su, per, fra, tra Google.

Conosci altri film per programmatori da proporre? Non essere timido! :)