16 Modi per Costruire un buon Team di Sviluppo

Come costruire un buon dev team?

Innanzi tutto, sfatiamo un luogo comune: gli sviluppatori e gli ingegneri informatici non sono degli operai-robot. Come tutti gli altri team, hanno bisogno di un management azzeccato e motivante, che non li tratti come macchine a cui si dà ordine di scrivere codici su codici. Dobbiamo invece ricordarci che sono colleghi e collaboratori all’interno dell’azienda, con i loro compiti, i loro obiettivi e le loro road map per raggiungerli.
Vediamo un piccolo decalogo per la gestione vincente dei developers:

1. Scegliere il manager giusto per il team. La persona ideale non se ne intende solo di gestione, ma anche della parte tecnica; è al contempo un mentore e un capo per la sua squadra, capace di affrontare e risolvere le sfide del lavoro e dei rapporti tra i dipendenti.

2. Cross-training senza esagerare. Scambiare i ruoli all’interno del team permette ai singoli di acquisire esperienza all’infuori della loro specializzazione; questo permette a più ingegneri di lavorare su uno stesso progetto in modo intercambiabile. Mai, però, a costo di soffocare ciò che un ingegnere specializzato sa fare meglio.
3. Coinvolgere il team nelle assunzioni. Invece di gettare un perfetto sconosciuto in mezzo alla squadra, possiamo utilizzare i network dei nostri dipendenti per selezionare candidati; in questo modo aumenteremo la possibilità di scegliere una persona competente e in linea con le capacità e i valori del team.

4. Crearsi un bacino di recruitment. Perché perdere tempo quando abbiamo bisogno di nuovi dipendenti? Tenendo d’occhio i quadri dell’azienda e i network di dirigenti e impiegati, possiamo selezionare una rosa di candidati e avere pronto un pool di persone tra cui selezionare un nuovo membro del team.

5. Restare connessi, anche a distanza. Capita spesso che le aziende abbiano sedi distaccate o uffici in luoghi geograficamente lontani, addirittura all’estero. Se non possiamo far incontrare di persona i team delle diverse sedi, organizzare periodicamente incontri in videoconferenza aiuta gli ingegneri a conoscersi e a relazionarsi come colleghi.

6. Essere trasparenti, nel senso di informare gli ingegneri sulle politiche dell’azienda, dal lato del business: acquisti e vendite, negoziazioni, servizio clienti, gestione delle proprietà, e così via.

7. Non trincerarsi nel proprio team. Un team coeso può creare una mentalità chiusa, che nega la condivisione di idee, esperienze e conoscenze al di fuori del “clan”. Una soluzione a questo problema è la creazione di team interfunzionali, di cui fanno parte sviluppatori provenienti da branche differenti.

8. Conoscere i colleghi di altri settori. Sempre a proposito di non trincerarsi. L’azienda può aiutare, organizzando progetti e incontri volti al team building oltre le singole squadre.

9. Non dimenticare il fattore umano, coltivando una politica di porte aperte, partecipando a iniziative per il sociale, riconoscendo e premiando i successi individuali, ascoltando le critiche e i suggerimenti.

10. Lasciare che gli ingegneri facciano il loro lavoro. Riunioni continue e inconcludenti non faranno altro che interrompere il workflow; è meglio, e più produttivo, permettere ai nostri talenti di fare ciò che sanno fare in modo il più possibile libero, senza cadere nel lassismo.