10 vantaggi dell’architettura dei microservizi per la tua attività

Un’architettura dei microservizi è composta da servizi ridotti autonomi. Vengono definiti autonomi perché ogni servizio può migliorare una specifica funzionalità del tuo business ma, alla fine, interagiscono tra di loro nell’ottica del “bene comune”.

Si definiscono “micro” perché sono servizi con potenzialità ridotta.

Qual è il loro obiettivo?

Quello di espletare una singola funzione nella maniera più approfondita ed esaustiva possibile. Ognuno ha il suo processo determinato, delimitato e autonomo.

architettura microservizi vantaggi

Quando viene utilizzata l’architettura dei microservizi?

I microservizi sono un approccio di tipo architetturale che viene utilizzato per sviluppare applicazioni.

Tuttavia, non si parla di applicazioni qualunque. L’architettura dei microservizi entra in gioco per applicazioni molto complesse o di grandi dimensioni che richiedono una grande velocità.

Oppure, è molto utile nel caso di applicazioni che abbiano dei sottodomini o un dominio avanzato.

Ma cosa distingue i microservizi dalle tecniche tradizionali?

Sviluppo tradizionale Vs microservizi

Nelle tecniche tradizionali di sviluppo di un’applicazione, si vanno a realizzare le componenti come se fossero tutte all’interno di un grande contenitore.

Si tratta di un’unica grande applicazione a cui fanno riferimento tutte le diverse componenti.

Nell’architettura dei microservizi, invece, non si lavora più con un unico grande contenitore ma con dei moduli.

Ogni microservizio ha un compito ben preciso che deve assolvere e ogni team lavora su un microservizio nello specifico, rendendo il sistema quanto più indipendente possibile.

architettura microservizi vantaggi

Come funziona l’architettura dei microservizi?

Una volta che viene portato a termine il processo, questo genera un flusso di informazioni da comunicare a un meccanismo snello, il più delle volte un HTTP API.

La taglia, ossia la quantità di righe di codice di riferimento, dipende dal linguaggio di programmazione: alcuni sono concisi, altri più verbosi, altri ancora prolissi.

In sostanza, è l’organizzazione della struttura aziendale che determina la misura corretta del singolo.

Rispetto alla taglia, l’indipendenza e la complessità delle parti sono direttamente proporzionali.

Ognuno di essi è un’unità a sé stante e il suo destino è quello di essere pubblicato su una piattaforma PaaS, oppure eseguito su un processo di sistema appositamente creato.

L’ultimo dato interessante è che l’eventuale evoluzione di qualsiasi microservizio non ha nessuna conseguenza sugli altri.

Ma, nella pratica, che benefici può portare l’architettura dei microservizi all’interno della tua azienda?

architettura microservizi vantaggi

10 vantaggi dell’architettura dei microservizi

  • Tempistiche più rapide: Permette di gestire i cicli di sviluppo in un tempo più ridotto rispetto ai metodi tradizionali grazie alla loro particolare struttura e all’agilità degli aggiornamenti;
  • Indipendenza a tutti gli effetti: In quanto componenti separati e autonomi, possono essere rimpiazzati, sviluppati e ridimensionati singolarmente;
  • Maggiore flessibilità e resilienza: Il difetto isolato non inficia il sistema. La sostituzione non ne modifica l’assetto e la funzionalità.
  • Tecnologia in evoluzione continua: Non esiste nessun vincolo allo sviluppo tecnologico a lungo termine. L’approccio monolitico è acqua passata. Un microservice può essere rimodulato ad hoc.
  • Più intelligibilità, interventi mirati e gestione snella: Il team di riferimento è avvantaggiato dal più limitato raggio d’azione del servizio. Gli ambiti di intervento sono circoscritti e di più facile gestione.
  • Disegnati sulle potenzialità del business: I servizi non sono concepiti per un singolo settore o prodotto, ma sulle potenzialità globali di un’azienda.
  • Una risorsa riciclabile: Non essendo sviluppati per un prodotto o un progetto particolare ma sulle potenzialità produttive dell’azienda nel suo insieme, possono essere facilmente riutilizzati nel caso di variazioni nella strategia commerciale o anche nell’impostazione produttiva.
  • Gestione dati decentralizzata: Di solito, la gestione dati delle grandi imprese viene terziarizzata per una maggiore efficacia dell’elaborazione di ingenti quantità di dati. L’architettura microservice prevede la suddivisione in tanti singoli database.
  • Facile da sviluppare: Il margine di miglioramento diventa più facile da individuare e più immediato nello sviluppo. Si interviene solo ed esclusivamente laddove ce ne sia l’effettiva necessità;
  • Continua scalabilità: Più la domanda di servizi è alta, più i microservizi possono essere distribuiti su server e infrastrutture sulla base degli obiettivi aziendali.

A cosa devi prestare attenzione?

Sicuramente all’architettura dei microservizi in tutto il suo insieme. Abbiamo detto che si tratta di singoli servizi semplici, ma dobbiamo vederli in un’ottica generale che può diventare molto più articolata.

Inoltre, non basta cambiare approccio nello sviluppo dell’applicazione, con l’architettura dei microservizi tutta l’azienda deve rivedere il suo modo di lavorare, deve organizzare i team e imparare a gestire al meglio la comunicazione tra questi.

  • Comunicazione: il fatto che siano servizi indipendenti porta tantissimi vantaggi, tuttavia una problematica può essere la differenza di linguaggio dei diversi microsistemi a cui seguirebbe una gestione molto complessa dell’applicazione;
  • Compilazione: la prima attività da dover fare è chiarire quali siano le diverse dipendenze tra i servizi;
  • Gestione degli aggiornamenti: gli aggiornamenti potrebbero dare problemi di retrocompatibilità, quindi potrebbe non essere possibile recuperare tutti i dati salvati da una precedente versione;
  • Collegamento componenti: le diverse componenti sono tutte indipendenti, tuttavia, per ricollegarle, sono necessari dei registri centralizzati;
  • Test: i test sono una fase fondamentale, ma un errore che si rivela in un determinato punto dell’architettura può significare che quello stesso errore si ripercuota su più livelli di distanza;
  • Competenze tecniche: servono competenze molto specifiche per la gestione delle architetture dei microservizi e vanno monitorati costantemente gli aggiornamenti affinché questi non inficino il funzionamento di tutta l’applicazione.
architettura microservizi vantaggi

Le strategie per gestirla al meglio

Per riassumere, esistono delle tecniche per poter gestire nel migliore dei modi l’architettura dei microservizi?

Prima di tutto è necessario decentralizzare gli elementi, per una gestione di alta qualità di tutto il processo.

I servizi vanno modellati sulla base del dominio aziendale, facendo riferimento all’azienda stessa.

Riguardo al dominio, un’altra tecnica può essere quella di modellare le API direttamente sulla base di questo. Le API sono molto importanti perché sono le fondamenta della comunicazione tra tutti i servizi.

È inoltre necessario evitare il più possibile un accorpamento tra i diversi servizi che può verificarsi, per esempio, nel momento in cui si rivela necessario risolvere un errore. Gli errori, infatti, vanno isolati per evitare che vadano a intaccare altre parti rispetto a quella già colpita.

Casi famosi di architettura di microservizi

Vogliamo fare qualche esempio di applicazione ben riuscita tramite architettura dei microservizi?

Pensiamo a tre grandissime imprese che hanno dato vita ad app che utilizziamo quotidianamente: eBay, Netflix e Spotify.

È interessante il fatto che aziende di questo calibro abbiano ritenuto più funzionale utilizzare i microsistemi per lo sviluppo delle loro piattaforme.

Ognuna ha i suoi segreti di gestione, chi ha deciso di semplificare codici troppo elaborati come eBay, chi li ha scelti per essere sempre un passo avanti nel mercato come Spotify e chi ha deciso di automatizzare i processi come Netflix.

Ma anche altre aziende hanno iniziato a utilizzare l’architettura di microsistemi, addirittura ancora prima che venisse studiata a fondo.

Chi possono mai essere?

Ovviamente, Google e Amazon.

Conclusioni

Ti sei convinto sui benefici che l’architettura dei microsistemi può portare alle tue app e, di riflesso, a tutta la tua azienda?

Se vuoi affacciarti su questa nuova realtà, Nextre Engineering può seguirti in questo percorso.

Se vuoi chiedere un preventivo o una consulenza al nostro team di esperti, non dovrai fare altro che compilare il form presente sulla pagina.

Saremo felici di aiutarti a migliorare il tuo business sfruttando le nuove tecnologie.