Big Data: 5 modi innovativi per gestirli

La raccolta e l’analisi di grandi quantità di dati è fondamentale per ogni azienda che voglia gestirne il peso facendo al contempo ordine. Per questo motivo, se sei un’azienda e vuoi sapere di più sui Big Data, qui trovi 5 modi innovativi per gestirli.

Le piccole imprese sono quelle più in difficoltà quando si parla di questo argomento. Il riordino e la gestione di enormi quantità di dati potrebbe essere un’enorme fatica per le aziende che stanno tentando di farsi strada nell’oceano delle competizioni, quasi come se fossero su una barca controcorrente mentre cercano di superare onde anomale di Big Data.

Quindi, se anche tu fai parte di quella schiera di piccole aziende alla perenne ricerca di una soluzione per raccogliere grandi quantità di dati, fermati un attimo e leggi questo articolo fino in fondo.

Non pensare di non poter conquistare anche tu un piccolo spazio nella Fortune 500, la lista annuale compilata e pubblicata dalla rivista Fortune che classifica le 500 maggiori imprese societarie misurate sulla base del loro fatturato, (anche se il loro budget IT è più grande dell’intero flusso di entrate negli ultimi dieci anni): l’opportunità per le piccole imprese di sfruttare i big data non è mai stata migliore!

Molte società, infatti, hanno già lanciato grandi strumenti per la raccolta e l’analisi dei dati grazie all’utilizzo di alcune piattaforme SaaS (Software As A Service), il servizio che consente agli utenti di connettersi ad app basate sul cloud tramite Internet. Ciò significa che non è necessario investire su hardware costosi, assumere un esperto di gestione dei Big Data e quindi implementare algoritmi complessi da soli.

Tuttavia, anche con le piattaforme di big data SaaS hai ancora bisogno di dati di alta qualità che possano aiutarti a prendere decisioni basate proprio sui dati. Ma non temere: in questo articolo troverai ottime fonti per il tesoro dei dati della tua azienda.

Se ce li hai già a portata di mano, è importante adesso che tu li riconosca in modo che le informazioni possano essere catalogate correttamente per le analisi future.

Dati Transazionali

Una delle cose più importanti di cui hai bisogno in un data store sono i dati contestuali.

Quando un cliente ti paga per i tuoi beni e servizi, dovresti sapere:

  • Quanto hanno acquistato;
  • Cosa hanno acquistato;
  • Quando hanno fatto il loro acquisto;
  • Quali promozioni o tagliandi li hanno spinti a fare un determinato acquisto;
  • Come hanno pagato per il loro acquisto;

Ma per conoscere effettivamente queste informazioni dovresti anche sapere distribuire il software POS, tramite cui memorizzare automaticamente queste informazioni in un software CRM (Customer Relationship Management).

Inoltre, sebbene non sia appropriato archiviare i dettagli dei pagamenti dei clienti (ad eccezione di un database crittografato per facilitare l’elaborazione dei pagamenti) è possibile creare una “riserva” dettagliata di dati transazionali relativi agli strumenti “non di pagamento” da utilizzare in futuro.

Monitoraggio del traffico In-Store

La grande analisi dei dati sta cambiando il modo in cui i rivenditori gestiscono i loro negozi. Con l’implementazione di sistemi di sicurezza con sensori di movimento altamente sintonizzati, oggi infatti è possibile tracciare la posizione dei clienti mentre si spostano all’interno del negozio.

Probabilmente con questo sistema non sarai in grado di definire chi sia il cliente, ma di sicuro potrai capire quanti clienti hanno acquistato in ciascun reparto.

Questi dati possono essere utilizzati per creare tendenze che possono guidare le scelte del personale. Ma per i negozi più piccoli senza personale specifico del dipartimento, tutto ciò che servirà sarà semplicemente un bancone alla porta.

Big Data 5 modi innovativi per gestirli

Analisi del marketing online

Quando i clienti visitano il sito web del tuo negozio, Google Analytics dovrebbe essere in grado di fornirti dati demografici su ciascun visitatore. Queste informazioni possono aiutare a capire come si preparano le campagne di marketing e quali aspetti del sito ricevono maggiore attenzione.

Heatmap, nello specifico, può aiutarti a capire quali sezioni di ciascuna pagina del tuo sito generano il maggior numero di clic o interazioni del mouse. Ma anche l’analisi dei social media in genere può aiutarti a conoscere i tuoi followers, così come i potenti strumenti di marketing su Facebook possono aiutarti a commercializzare un pubblico che rispecchia il tuo attuale seguito.

Poiché la quantità di dati che può essere ricavata dalle interazioni online con il tuo marchio è praticamente illimitata, sarebbe saggio, inoltre, istruire il tuo team di marketing online sull’installazione e la personalizzazione di plug-in e programmi per raccogliere e archiviare questi dati in un luogo sicuro per analisi future.

I premi per i clienti

Ti sei mai chiesto perché i grandi supermercati sono disposti a darti uno sconto semplicemente per aver inserito il tuo numero di telefono o per aver scannerizzato una carta premio? Il tuo profilo di acquisto dei clienti è prezioso per loro: sfruttalo!

Crea un programma di premi per i tuoi clienti. I programmi “Rewards” aumenteranno le tue vendite complessive incoraggiando i clienti ad acquistare in futuro, e così otterrai dati a livello di cliente su come, quando e cosa stanno acquistando i tuoi clienti.

Promozioni di terze parti

Esistono diversi programmi di fidelizzazione di terze parti che possono essere combinati con il tuo programma di iscrizione personale. Ad esempio, Shopkick premia gli acquirenti con punti quando entrano nei negozi sponsorizzati, fotografano i prodotti sponsorizzati e utilizzano una carta di debito o di credito collegata per completare un acquisto presso i negozi partecipanti.

Prima di fare una scelta definitiva, però, devi sapere che molte aziende sono disposte a pagare questi tipi di programmi per promuovere i loro negozi e prodotti agli acquirenti mobili mentre viaggiano in città. In secondo luogo tieni bene a mente che questi dati (riguardanti abitudini di viaggio e abitudini di acquisto, in ogni negozio che partecipa al programma) possono essere acquistati dalla società che gestisce l’app mobile.

La personalizzazione è l’obiettivo finale

Quando inizi a creare un profilo cliente, è importante che il tuo team di marketing si tuffi a capofitto nelle statistiche. Più conosci il tuo cliente, più efficace sarà il tuo raggio d’azione personalizzato.

Quando il cliente ha delle esigenze specifiche, non avrà alcuna remora nello sperimentare gli acquisti online (se questi gli garantiscono un ottimo servizio). Ciò contribuirà a diffondere il costo degli investimenti nella raccolta di Big Data e negli strumenti di analisi su un numero maggiore di transazioni con i clienti.

In conclusione, ci sono molti modi in cui i negozi di ogni dimensione possono raccogliere grandi quantità di dati, e uno di questi è l’utilizzo delle piattaforme SaaS impiegate per raccogliere big data. Grazie a questo sistema non sarà più necessario disporre di un team interno di raccolta e analisi dei dati.

Quindi man mano che i clienti interagiscono con il tuo marchio, dalla ricerca, all’acquisto finale, otterrai informazioni su come personalizzare le tue offerte, un fattore chiave per fidelizzare i clienti. E mentre il tuo marchio si evolve in base alle esigenze osservate nel tuo mercato, scoprirai le opportunità per espandere o focalizzare i tuoi prodotti e servizi sulle cose che generano maggior impatto sulla bottom-line.

Contattaci – attraverso il form sottostante – per capire le nostre soluzioni riguardo alla Big Data Analytics.