Come i Big Data possono migliorare le app mobile

È davvero possibile immaginare che i Big Data possano migliorare le app mobile? In che modo possono influenzarle?

Con ben 4,77 miliardi di utenti in possesso di uno smartphone, non possiamo di certo negare che il mercato delle app per dispositivi mobili sia uno dei settori più promettenti su cui investire e puntare per il prossimo futuro.

Ogni brand utilizza le app mobili per raggiungere un pubblico sempre più ampio, per soddisfare le esigenze dei clienti e per beneficiare di un ROI più elevato.

Tuttavia, non è così facile come può sembrare.

Esistono miliardi di app mobili che richiedono la necessità di rimanere costantemente aggiornati con le attuali tendenze del mercato in rapida evoluzione: in questo modo il comportamento dei clienti e gli altri fattori possono essere costantemente monitorati dalle stesse aziende.

Per rimanere aggiornati, è necessario saper raccogliere e gestire i dati a disposizione: si tratta di un processo piuttosto laborioso e complicato, per questo i Big Data svolgono un ruolo significativo nella strategia di mercato e nel migliorare le app mobile.

I milioni e milioni di byte di dati che gli utenti producono quotidianamente possono effettivamente servire agli sviluppatori per creare applicazioni di gran lunga migliori di quelle attuali.

In questo articolo, raccogliamo tutte le più importanti informazioni sul modo in cui i Big Data stanno gettando le basi per una rivoluzione nel mondo delle app.

Big Data e sviluppo App per dispositivi mobili - Big Data e App Mobile

Sviluppare la migliore app per dispositivi mobili: caratteristiche funzionali e finalità

Nell’attuale scenario sempre più utenti utilizzano smartphone e tablet per navigare su Internet in modo tale da sfruttare a proprio vantaggio tutte le potenzialità della Rete, fruendo dei contenuti in maniera semplice e veloce per essere sempre connessi e in contatto con il network.

L’impegno degli sviluppatori di app deve essere volto ad offrire soluzioni che siano tecnologicamente efficaci e funzionali, per questo motivo sono sempre alla costante ricerca di nuovi modi per interpretare e prevedere le attuali e future esigenze degli utenti.

Ecco le caratteristiche tecniche e le finalità che le app mobili devono possedere:

  • consentire un’analisi quanto più completa possibile dell’esperienza utente,
  • lo sviluppo di app in linea con le attuali esigenze permette di migliorare la User Experience (UX),
  • ogni app sviluppata per dispositivi mobili deve essere attraente, user friendly, veloce, intuitiva, facile da usare, ma soprattutto deve soddisfare al meglio i bisogni latenti degli utenti,
  • Big Data e app mobile impattano sull’UX, concepita come fonte primaria per identificare le migliori idee più creative. Grazie ai Big Data, gli sviluppatori possono trovare soluzioni per migliorare le app esistenti, nonché trovare nuove idee customer/user oriented. Inoltre, possono comprendere il modo in cui gli utenti interagiscono con un’app e individuare il loro comportamento specifico durante l’utilizzo.

Big data e app per dispositivi mobili: dall’uso personale alle applicazioni per il business

Il mercato delle app è un mercato sempre più fiorente e promettente, i dati parlano chiaro:

nel primo trimestre del 2018, i download su App Store e Google Play Store sono cresciuti di oltre il 10% rispetto allo stesso periodo del 2017, raggiungendo un totale di 27.5 miliardi. Si tratta di un record assoluto, mai raggiunto in passato sui due store. Inoltre, anche la spesa dei consumatori è aumentata del 22% anno su anno, per una cifra totale pari a 18.4 miliardi di dollari. Anche in questo caso, si tratta di un record senza precedenti”. (Fonte dati: Appannie.com).

  • Applicazioni per iOS (IPhone e IPad): si tratta di applicazioni che hanno un’importante piattaforma di sviluppo in grado di ampliare la loro visibilità e di rendere ancora più accessibili i loro contenuti.
  • Applicazioni per Android: la piattaforma mobile di Google consente di sviluppare nuove applicazioni e widget in modo tale da offrire soluzioni in grado di adattarsi a svariate configurazioni hardware.
  • Applicazioni per aziende e per il mondo business utilizzabili su tutti i diversi tipi di device mobili e sui diversi sistemi operativi. Queste tipologie di app necessitano di accedere ai dati contenuti nei sistemi gestionali ed informatici dei vari reparti e dipartimenti aziendali. Attraverso l’utilizzo di un’architettura Service-oriented, il legame tra Big Data e app mobili è sempre più inscindibile. Le applicazioni sviluppate per finalità di business sono in grado di rispondere in tempo reale alle necessità del consumatore, recuperando i dati e le funzionalità direttamente dai database aziendali, con dati salvati in locale sul device mobile. Sfruttando le attuali tecnologie disponibili sul mercato, è possibile creare applicazioni mobile che utilizzano il protocollo HTTPS in modo tale che l’utilizzo dei dati avvenga in totale sicurezza, senza problemi di cybersecurity.

 Applicazioni per aziende e per il mondo business - Big Data e App Mobile

Il ruolo dei Big Data, app mobili e la nuova “Era del Marketing”

La quantità di dati prodotti dagli utenti ha superato di gran lunga il livello di petabyte, la quantità di dati immagazzinata globalmente dovrebbe registrare sfiorare lo yottabyte.

I dati possono aiutare ad ottenere preziose informazioni necessarie per sviluppare nuove app innovative e migliorare l’uso di quelle esistenti.

I Big data costituiscono la solida base per rivoluzionare lo sviluppo di app per dispositivi mobili e per influenzare la strategia di marketing delle aziende.

È necessaria un’analisi completa delle esperienze dell’utente per lo sviluppo di app: i Big Data delineano tutti i dettagli del comportamento dei consumatori e possono fornire indicazioni rilevanti sui punti strategici su cui le aziende devono focalizzarsi maggiormente per implementare cambiamenti strategici e per creare valore aggiunto.

Inoltre, è necessario “incorporare” la UX nello sviluppo di app: già in un precedente articolo “Perché i Big Data e l’apprendimento automatico saranno essenziali per stimolare la crescita dello sviluppo delle app” avevamo sottolineato che “Uno degli obiettivi principali che ci si dovrebbe porre […] sarebbe sicuramente l’analisi di quelli che sono i comportamenti degli utenti nel momento in cui questi si occupino di interagire con l’app stessa. Le aziende solo di recente stanno arrivando a capire quanto tali analisi preliminari (sui dati) siano importanti, e se si pensa che Google ha iniziato a diffondere in modo massiccio Analytics solo nel 2012 si può comprendere anche per quale motivo molte altre realtà imprenditoriali fatichino ancora ad integrare tale forma di pensiero nella propria attività di sviluppo”.

Gli sviluppatori di app per dispositivi mobili possono utilizzare nuove idee analizzando i grandi dati a loro disposizione: ad esempio, possono analizzare le app più votate nel settore benessere e fitness, se vogliono creare un’app simile.

Potrebbero analizzare app come Argus, Runkeeper, Fitstar Personal Trainer e capire il comportamento degli utenti con l’utilizzo delle app. Quindi, possono includere funzionalità innovative come pedometro, contatore calorie e così via, per rendere la loro app più fruibile e piacevole per gli utenti.

La business intelligence e i Big Data stanno trasformando il percorso di progettazione di app per dispositivi mobili, il quale è sempre più basato sulla conoscenza. Alcuni noti tool di marketing che agiscono su questi aspetti sono: Salesforce, Epsilon Agility Harmony Digital Messaging Platform, Strong da Selligent e CheetahMail.

Le app mobili che sfruttano i Big Data sono di vitale importanza per le aziende, in particolare per il Dipartimento di Marketing e Vendita: dalle analisi dei dati aziendali all’intelligence operativa, dall’assistenza alla clientela “virtuale” al marketing, il mondo business può raggiungere interessanti ROI.

Ad esempio, Apple ha adottato le funzioni di gestione della supply chain al fine di sfruttare i vantaggi apportabili alla strategia di marketing. Ma, purtroppo, non tutte le aziende sono come Apple, i cui sviluppatori di app per dispositivi mobili possono impiegare fino a quattro giorni per assemblare qualsiasi prodotto nella catena di fornitura.

Altri grandi brand che sfruttano a proprio vantaggio i Big Data per raccogliere dati focalizzati sui clienti in tempo reale e per sviluppare app per dispositivi mobili sono:

Amazon: l’azienda di Jeff Bezos utilizza la tecnologia Big Data per l’analisi predittiva attraverso cui è possibile mostrare prodotti simili a quelli che gli utenti hanno ricercato sull’E-Commerce.

Uber: Uber impiega strumenti di Big Data Analytics per scopi diversi. Ad esempio: quando si prenota un taxi, l’azienda analizza le condizioni del traffico in tempo reale, la disponibilità di un autista nelle immediate vicinanze del cliente, stima il tempo di percorrenza, ecc. Utilizzando i dati ottenuti, si fornisce una stima del tempo che si deve attendere e la tariffa del servizio.

sviluppo app Uber - Big Data e App Mobile

Big Data e sviluppo di App: 5 tips

Il legame tra Big Data e sviluppo di App mobile è sempre più strategico per le aziende dal momento che:

  1. aiuta a capire il pubblico: per soddisfare gli utenti, è necessario comprendere le loro esigenze. Per questo, è necessario esaminare le informazioni raccolte da diverse fonti, compresi i canali dei social network. Con l’aiuto di Big Data Analytics e di altri strumenti di Machine Learning, è facile raggruppare i dati in diverse categorie e prevedere il prossimo passo strategico da compiere attraverso l’analisi dei dati costantemente aggiornati;
  2. aumenta il successo e la competitività aziendale sui mercati internazionali: ogni multinazionale per operare in un contesto internazionale deve essere in grado di utilizzare i Big Data che forniscono dati filtrati secondo diversi fattori: la località, l’età, il sesso, ecc.;
  3. aiuta a migliorare le prestazioni: grazie ai Big Data, gli sviluppatori possono facilmente monitorare la quantità di traffico generato dalla loro applicazione. Inoltre, possono valutare i problemi che ostacolano le prestazioni della loro applicazione e, di conseguenza, possono facilmente migliorare le prestazioni delle loro app e inibire che l’utente abbandoni l’utilizzo dell’applicazione;
  4. offre dati in tempo reale: i Big Data offrono la possibilità di avere dati aggiornati in tempo reale e i marketer possono adeguarsi ai cambiamenti contestuali. In altre parole, Big Data Analytics fornisce alle organizzazioni informazioni rilevanti ed utili per prendere decisioni strategiche quanto più rapide per generare maggiori profitti;
  5. aumenta il numero di utenti coinvolti: con un pool di dati concernenti il comportamento degli utenti, è possibile determinare facilmente quale tipo di notifiche push devono essere inviate agli utenti per coinvolgerli. Ciò aumenta il numero di utenti coinvolti e i ricavi delle app.

Un’app mobile deve essere al centro della strategia digitale di ogni impresa dato che i Big Data offrono informazioni preziose, quanto più personalizzate e aggiornate in tempo reale, al fine ultimo di soddisfare le esigenze degli utenti nel modo più efficace possibile.

Big Data e applicazioni mobili: il futuro è digitale

Attualmente, quasi il 73% delle aziende utilizza i Big Data per far crescere la propria attività e questa cifra è destinata ad aumentare per i prossimi anni. Si prevede che il mercato dei Big Data arriverà ad una cifra di circa $ 65,2 miliardi nel 2021.

Si prevede, inoltre, che il mercato delle app per dispositivi mobili supererà la soglia dei $ 100 miliardi e raggiungerà i $ 189 miliardi entro il 2020. Per questo, sviluppare migliori app mobili è la chiave del futuro e della Trasformazione Digitale. Il futuro del mondo delle app per dispositivi mobili è strettamente legato a quello dei Big Data: gli sviluppatori troveranno nuove strategie per interpretare le enormi quantità di dati per identificare le funzionalità chiave delle app del futuro.


Scrivici per informazioni





INDIRIZZO

Via Imperia, 2 – 20142 Milano (MI)

E-MAIL

contattaci@nextre.it

TELEFONO

+39 02 49518390

Dal blog di Nextre
Altri articoli simili
La cura per il cancro si chiama Big Data?
Con i Big Data cureremo il cancro: meno esami e terapie inutili, ma digitalizzare non basta, occorre saper interpretare i dati clinici di ogni malato...
aggiornato il
4 motivi per cui scegliere Big Data Hadoop
Nel corso degli ultimi 10 anni (nello specifico da qualche anno a questa parte), enormi società come Google, Yahoo!, Amazon e Facebook hanno...
postato il
vai al blog