Wordpress & CMS

Come migrare un sito su WordPress senza fare errori

image of Eleonora Truzzi

Scritto da Eleonora Truzzi

27/08/2020

migrare un sito su WordpressTempo di lettura: 7 minuti

Per scoprire come migrare un sito su WordPress è necessario consultare una guida, soprattutto se non si è molto esperti in materia.

Questa infatti si rivela fondamentale per tutti coloro che si preparano a trasferire per la prima volta un vecchio sito su WordPress.

In che modo è possibile procedere con il trasferimento su WordPress senza perdere tutti i post e i commenti presenti nelle varie pagine e categorie? 

Questa è la prima domanda che una persona si pone nel momento in cui si trova dinanzi a questo problema.

Prima di tutto è necessario specificare che la migrazione di un sito non è un’operazione semplice.

Spesso la procedura va effettuata manualmente prestando la massima attenzione al backup del portale e a solo ciò che deve essere effettivamente trasferito, ma in alcuni casi tutto può avvenire anche in modalità automatica

Anche se non è semplice, ci sono casi in cui si rivela necessaria come in occasione del passaggio di protocollo (da HTTP ad HTTPS), del cambio della piattaforma CMS, del cambio di dominio, del passaggio ad una piattaforma più responsive, ecc.

Se ti trovi in una di queste situazioni, ecco ciò che devi fare per migrare un sito su WordPress.

Perché WordPress?

migrare un sito su WordPress

Oggi sono tantissime le persone che stanno scegliendo di migrare un sito vecchio su WordPress.

Come mai? Perché questo particolare CMS garantisce innumerevoli benefici:

  • Facilità di utilizzo: adatto anche a chi non possiede particolari conoscenze o abilità nel mondo della programmazione;
  • Gestione in autonomia: dopo aver imparato il funzionamento base della piattaforma puoi gestirla da solo;
  • HTML non necessario: nessuna modifica in html è richiesta per coloro che utilizzano la piattaforma, gestibile attraverso gli editor interni;
  • Blog integrato: chi desidera aprire un blog trova in WordPress la piattaforma perfetta;
  • Tema personalizzabile: sono disponibili migliaia di template, gratuiti o a pagamento, con cui è possibile personalizzare la grafica;
  • Estensioni per ogni esigenza: qualsiasi miglioria tu voglia fare al template di base è possibile grazie ai plugin;
  • Possibilità di aprire un e-commerce: grazie a WooCommerce è possibile installare in un secondo momento il plugin per la gestione di un e-commerce.

Tutte le fasi della migrazione

Quali sono gli aspetti più importanti da tenere sotto controllo quando si sta per iniziare questa procedura?

Le fasi per ottenere una corretta migrazione su WordPress sono diverse ed è importante seguirle tutte per evitare di perdere dati importanti.

Scegli un servizio di web hosting

migrare un sito su WordPress

La scelta dell’hosting è la prima fase su cui ti devi concentrare e anche una delle più importanti. Quando affronti questo passaggio, non devi guardare solamente al prezzo del servizio, ma anche alle sue caratteristiche intrinseche.

Se hai intenzione di creare un sito su WordPress con tante pagine avrai bisogno di un hosting più potente di un sito che ha solo tre o quattro pagine di vetrina.

In particolare, l’hosting che scegli deve possedere PHP e MySQL.

Inoltre, se prevedi che il traffico sarà ampio, ti consigliamo un hosting dedicato e non uno condiviso.

Trasferisci i contenuti nel nuovo hosting

migrare un sito su WordPress

La fase del trasferimento dei contenuti è abbastanza delicata ed esistono modi diversi per poterlo fare.

Il modo più semplice per migrare i contenuti è tramite FTP. Devi quindi scaricare i file dal tuo account hosting direttamente sul computer e poi ricaricarli nella cartella del nuovo account hosting.

Anche il database del sito deve essere spostato tramite SQL, per questo abbiamo citato MySQL come una caratteristica importante.

Poi devi effettuare il passaggio delle pagine vere e proprie che puoi fare manualmente con copia-incolla oppure sfruttando dei servizi automatizzati forniti da aziende terze.

Non dimenticare la SEO

migrare un sito su WordPress

Nel momento in cui importi i tuoi contenuti su WordPress, ti consigliamo di gestire i metadati in ottica SEO. È molto meglio farlo di volta in volta che non dover sistemare tutto alla fine.

In questo senso, migrare un sito su WordPress porta con sé tantissimi vantaggi perché il CMS è già predisposto per lavorare con la SEO.

Questo significa inserire meta title e meta description, tag alt sulle foto, creare url parlanti, impostare permalink specifici, ecc.

Durante questa fase ti può aiutare molto il plugin YoastSEO, il quale ti indica molti degli aspetti su cui devi intervenire.

Fase Pre-Migrazione

La fase di Pre-Migrazione, quando decidi di migrare un sito su WordPress, è molto importante perché devi fornire a Google tutte le basi per una buona indicizzazione.

Dal punto di vista di Sitemap.xml e Robots.txt il tuo vecchio sito deve essere impostato correttamente. Quindi la prima azione è quella di crawling, per permettere a Google di analizzare tutte le tue pagine.

Questa è anche la fase nella quale devi correggere tutti gli errori interni, i link rotti e controllare che sia tutto corretto sul fronte dei backlink.

Dopodiché, devi inviare la Sitemap.xml, creare le redirezioni delle pagine del vecchio sito su quello nuovo, avviare il dominio e poi fare un primo backup.

Non ti consigliamo di mettere online il sito quando è ancora in fase di preparazione quanto, piuttosto, di impostare una welcome page che informi gli utenti sulla futura apertura del nuovo sito.

Fase di migrazione del sito

migrare un sito su WordPress

Dopo aver caricato tutti i tuoi contenuti, puoi finalmente mettere online il nuovo sito WordPress. Tuttavia, ti consigliamo di mantenere online anche il vecchio sito per consentire tutte le redirezioni in modo corretto.

A questo punto devi generare una nuova Sitemap.xml e caricarla nella Search Console, affinché Google possa capire qual è la struttura del tuo sito e indicizzare le tue pagine.

Verifica che tutte le redirezioni siano avvenute con successo e correggi gli errori 404 di link che rimandano su pagine non più esistenti.

In questa fase ti consigliamo anche di attivare Google Analytics per poter monitorare l’andamento del tuo sito WordPress.

Fase Post-Migrazione

Controlla gli ultimi errori 404 o i backlink rotti e poi dedicati a svolgere le nuove attività sul tuo sito.

Monitora il traffico che arriva dai motori di ricerca o dai social media, così come le visite e le informazioni demografiche sui tuoi utenti.

Scelta del tema

migrare un sito su WordPress

Nel momento in cui decidi di migrare un sito su WordPress, puoi scegliere una veste grafica che soddisfi maggiormente le tue esigenze e il tuo gusto personale.

Esistono migliaia di template diversi, divisi per grafica, tipologia di sito web o settore merceologico.

Esistono sia temi gratuiti che a pagamento, e questi ultimi ti offrono più libertà di personalizzazione.

Ovviamente quest’ultima scelta alzerà il costo del sito su WordPress.

Fai attenzione alla sicurezza del tuo sito

migrare un sito su WordPress

La sicurezza del tuo sito e del lavoro che svolgi su di esso deve venire prima di ogni altra cosa. Appena terminata la migrazione, ti consigliamo di installare un plugin di backup che ti consenta di salvare ogni volta le modifiche che apporti al sito.

Esistono anche plugin che effettuano backup regolarmente e che ti consentono di salvare il contenuto del sito anche se ti dimentichi di farlo manualmente.

Oltre a questo, il metodo più sicuro per i tuoi backup è sempre tramite FTP così da poter conservare una copia sul computer, indipendentemente da ciò che può succedere al servizio che fornisce il plugin.

Conclusioni

Ricapitolando, per migrare un sito su WordPress devi effettuare i seguenti passaggi:

  • Registrare il dominio;
  • Installare WordPress;
  • Scegliere accuratamente il tema del blog;
  • Durante il trasferimento mettere il sito in manutenzione per evitare che gli utenti possano vedere i tuoi primi esperimenti su WordPress;
  • Configurare la struttura dei permalink;
  • Procedere con il trasferimento dei contenuti dal tuo vecchio blog o sito web a WordPress scegliendo tra la modalità automatica e quella manuale.

Il team di professionisti presente in Nextre Digital (la nostra web agency specializzata in siti WordPress) ti aiuterà nella migrazione del tuo sito web senza errori. Contattaci per maggiori informazioni.

RICHIEDI INFORMAZIONI

Compila il form sottostante e richiedi un preventivo gratuito. Il nostro team ti ricontatterà
al più presto per definire con te una proposta personalizzata in base alle tue esigenze.

Articoli correlati