Sviluppo App Mobile

Cos’è una web app e perché è una valida alternativa alle app mobile

image of Eleonora Truzzi

Scritto da Eleonora Truzzi

12/11/2020

cos'è una web appTempo di lettura: 10 minuti

Perché è importante una web app?

Internet è il principale canale di comunicazione del mondo odierno.

Lo utilizzano i privati e lo utilizzano anche le aziende.

Per queste ultime Internet è un terreno particolarmente fertile perché lì si trova il target di riferimento.

Tuttavia, oggi gli utenti si aspettano molto durante la navigazione online.

Questo significa che si sentono veramente coinvolti solamente quando l’azienda è in grado di elaborare tutte le informazioni di cui hanno bisogno e di restituirli un risultato soddisfacente.

Come è possibile tutto questo? Attraverso le web app.

Le web app consentono agli utenti di interagire con l’azienda esattamente come farebbero con una ormai comune applicazione mobile. Esattamente come quest’ultima, le web app sono veloci, intuitive e pratiche.

Sono quindi la stessa cosa? Apparentemente potrebbe sembrare, ma nella realtà stiamo parlando di due strumenti molto diversi.

Le web app sono cresciute notevolmente negli ultimi anni. Se prima venivano create per divertimento dagli sviluppatori, oggi sono una risorsa notevole nelle mani delle aziende che hanno bisogno di presentare siti web che appaiano, a tutti gli effetti, come delle applicazioni mobili ma che siano scaricabili su qualsiasi dispositivo.

Vediamo subito cosa si intende per web app e perché è ritenuta così performante.

Cos’è una web app?

Se volessimo dare una definizione tecnica della web app potremmo dire che si tratta di un programma applicativo memorizzato su un server remoto – che può trovarsi anche dall’altra parte del mondo – e che viene distribuito su Internet tramite browser.

Il mondo delle web app è veramente vasto.

Possono essere utilizzate sia dagli utenti finali ma anche dai dipendenti di un’azienda per scambiarsi documenti o lavorare a progetti comuni, sia quando si trovano al pc nella propria postazione sia tramite mobile.

Ma forse, per capire ancora meglio cosa si intende per web app, è il caso di distinguerle dalle normali applicazioni mobile che tutti noi conosciamo così bene.

In breve, le app mobili sono applicazioni progettate per una specifica piattaforma, ad esempio iOS o Android. Un’app iOS può essere scaricata solamente su un dispositivo Apple e non su uno smartphone o un tablet prodotto da Samsung.

Le web app, invece, sono accessibili direttamente da browser e sono scaricabili su qualsiasi dispositivo, senza barriera di marca.

E il loro aspetto? È quasi del tutto simile a quello delle app mobili.

Un po’ di storia

Per capire meglio come funzionano le web app dobbiamo fare molti passi indietro e arrivare fino agli anni ’90. A quell’epoca i siti web erano costituiti da un insieme di pagine create in HTML. Non vi erano contenuti come immagini o video. Non c’erano i siti che conosciamo noi oggi.

Successivamente, per fortuna, sono state inserite le prime immagini, qualche video e i file audio. I siti così costruititi erano però molto statici e lo sono rimasti finché non si è giunti al linguaggio di programmazione JavaScript.

Per la prima volta le pagine dei siti web sono diventate interattive, fino a raggiungere il cosiddetto formato responsive che si è avuto con l’introduzione di Ajax.

cos'è una web app

Con Ajax le applicazioni hanno reso i client sempre più interattivi, anche se oggi le web app richieste dal mercato sono di un livello ancor più superiore. Nel 2015 è stato introdotto HTML5, che prevede delle funzionalità multimediali senza dover installare nuovi plugin.

Su questa base si è sviluppata la grafica 3D che oggi è indispensabile nella creazione delle web app.

Interfaccia e struttura di una web app

Per quanto riguarda l’interfaccia… grazie a Java, JavaScript, Flash ed altri linguaggi di programmazione, gli elementi dell’app sono stati combinati in un’interfaccia che assomiglia ad un sistema operativo.

Le funzionalità che vengono man mano aggiunte dagli sviluppatori sono implementate con uno script lato client.

Qual è l’obiettivo di tutto questo lavoro? Creare un’esperienza per l’utente nella quale non deve perdere tempo per aspettare il classico caricamento della pagina web.

Per quanto riguarda la struttura, invece, le applicazioni sono divise in livelli e a ciascun livello è assegnato un ruolo.

Se un’app mobile è costituita su un livello, le web app lo sono su più livelli, di norma tre (presentazione, applicazione, archiviazione).

Più le applicazioni sono complesse, più si rende necessario aggiungere dei livelli.

Qual è la differenza tra un sito web e una web app

All’inizio, per capire la definizione di web app, l’abbiamo paragonata alle app mobile, un esempio che abbiamo sotto gli occhi ogni ora della nostra giornata. Ma ora vediamo quali sono le differenze tra un normale sito web e una web app.

La domanda sottintesa è: perché una web app è meglio di un sito?

Per creare un sito web aziendale devi unire tante pagine web interconnesse tra di loro sotto un unico dominio. Può essere ospitato su uno o più server ed è accessibile tramite Internet.

Una web app, invece, è un software accessibile da qualsiasi browser. Viene creata attraverso linguaggi come JavaScript o HTML ma non esiste un SDK specifico come accade invece per le app mobile.

Per rispondere alla domanda che ci siamo lanciati, una web app è molto più veloce nel caricamento rispetto ad un normale sito, si adatta meglio al dispositivo su cui viene utilizzata e graficamente è molto più intuitiva, assomigliando appunto ad un’app mobile.

Come si crea una web app

Esistono due modi per creare delle web app. Il primo e il più complesso richiede delle conoscenze e delle competenze specifiche. Si tratta di imparare il linguaggio backend, front-end e conoscere il metodo di distribuzione.

In alternativa, esistono dei generatori di web app che ti sollevano dalla difficoltà di imparare il linguaggio di programmazione e che ti aiutano nella progettazione.

Noi ti sconsigliamo il secondo metodo perché rischi di avere una web app poco performante e che difficilmente acquisirà visibilità.

Comunque, qualunque strada tu scelga, devi attraversare quattro diverse fasi per riuscire a creare una web app.

1. Fase di ideazione

Qualunque cosa tu voglia produrre, alla base deve sempre esserci un’idea e il suo studio per capire se è realizzabile.

Il primo passo, quindi, è quello che riguarda lo sviluppo dell’idea.

Affinché un’idea possa diventare un business efficace, deve risolvere il problema di una buona fetta di pubblico.

Quindi, devi partire da un tema che ti interessa, a cui puoi dedicare del tempo e che rappresenti la soluzione ad un’esigenza del pubblico.

Dopo aver scelto l’idea, devi fare una ricerca di mercato.

Devi capire, prima di tutto, se esiste un mercato. Dopodiché, devi scoprire se è già stata sviluppata, da chi e in che modo.

Puoi aiutarti con i motori di ricerca e con i social media per effettuare questo studio di mercato.

Dopo aver trovato l’idea e avere identificato il mercato, devi capire cosa vuoi che faccia la tua web app. Non devi aggiungere una marea di funzionalità solo perché sei in balia della novità, ma inserisci solamente quelle che permetteranno agli utenti di vivere un’ottima esperienza interattiva in relazione all’obiettivo che vuoi raggiungere.

2. Fase di progettazione

Hai l’idea, hai il mercato e sai a grandi linee quali saranno le funzionalità all’interno della web app. Ora è tempo di costruirla.

La tua app va disegnata, e intendiamo fisicamente con carta e penna!

Immagina il metodo di navigazione, il colore dei pulsanti, le forme, la disposizione degli elementi nello schermo, e così via. Puoi anche preparare diverse versioni della stessa app e poi scegliere quella che ti convince di più.

cos'è una web app

Ora immagina come deve lavorare l’app. Se vuoi un aiuto in più, puoi studiare quelle dei tuoi competitor.

In quale modo può accedere un utente? Avrà un’area riservata? Riceverà delle e-mail quando modificherà le impostazioni? Poniti domande simili e immagina il funzionamento vero e proprio.

Hai fatto tutto? Allora possiamo passare allo step successivo.

Sempre all’interno della fase di progettazione rientra anche la creazione del prototipo. Si tratta della prima vera e propria bozza della tua web app per capire se può funzionare come l’hai immaginata.

Questo passo è già più complesso rispetto ai precedenti e ti consigliamo di appoggiarti ad esperti del settore che sappiano come creare il prototipo della tua applicazione. Quando hai il prototipo tra le mani puoi chiedere a qualche collega o qualche amico un feedback sulla tua web app.

3. Fase di sviluppo

Il prototipo ti convince? Questo significa che sei pronto per la fase dello sviluppo.

Prima di tutto hai bisogno di un database. Non spaventarti perché non è nulla di strano, se non la raccolta iniziale dei dati da cui partire.

Si tratta di un database SQL o di documenti, in base a quanto sono in relazione i dati tra di loro. Se sono molto in relazione verrà scelto l’SQL, altrimenti sarà preferibile l’altro metodo.

Sempre in questa fase verrà deciso come dividere i dati per evitare che un cliente veda i dati di un altro. Possono essere tenuti tutti su un database oppure su database distinti per ogni cliente.

Dopo aver risolto il problema del database, è la volta della costruzione front-end, ossia l’elemento visivo della wep app. Come abbiamo già visto, questo si sviluppa con JavaScript, HTML o CSS.

In seguito alla creazione del front-end è necessario creare il backend, ossia ciò che gestisce i dati come database o server. Siccome si tratta di una parte molto complessa, forse la più difficile della costruzione di una web app, esistono anche strumenti che semplificano il lavoro ed eliminano gran parte delle complessità.

4. Fase di lancio

Riuscire ad arrivare a questo punto è una grande soddisfazione. Ora è opportuno scegliere l’hosting per poter eseguire la tua web app ed è una scelta importante perché da questa deriverà il suo buon funzionamento.

Cosa rimane da fare ancora? Distribuirla.

L’ultimo passaggio è la distribuzione all’hosting cloud della web app. Ora il lavoro è concluso e l’applicazione è utilizzabile da chi la scaricherà.

In tutte queste fasi è sempre bene affidarsi ad esperti del settore che sappiano quali strumenti utilizzare e come creare la web app che desideri in tempi brevi. Affrontare da solo i passaggi che abbiamo visto finora potrebbe farti perdere tempo, energie e risorse senza riuscire a raggiungere la meta.

Che tipo di applicazione web ti serve?

Non esistono solo web app statiche o dinamiche, sai. Ne esistono tantissime tipologie diverse e ognuna perfetta per i tuoi obiettivi aziendali.

Magari vuoi creare un’applicazione web che assomigli ad un e-commerce, allora dovrai integrare l’elenco dei prodotti, i metodi di pagamento, la gestione degli ordini.

Oppure potresti aver bisogno di un CMS, ossia un sistema di gestione di contenuti, per modificare quotidianamente una piattaforma.

Addirittura potresti aver bisogno della creazione di un portale in cui gli utenti possano accedere a diverse aree divise per argomenti attraverso l’homepage.

Vedi, le web app sono molto versatili e adatte a qualsiasi progetto aziendale, tuttavia è necessario saperle costruire e questo non è certo un gioco da ragazzi.

Se vuoi che la tua idea diventi realtà, appoggiati ad un’agenzia esperta nello sviluppo di app.

Noi di Nextre Engineering ti supporteremo in ognuna delle fasi che abbiamo visto, dall’ideazione fino al lancio, per creare esattamente la web app che hai in mente.

Contattaci ora per richiedere maggiori informazioni e ottenere un immediato supporto dal nostro team di professionisti.

RICHIEDI INFORMAZIONI

Compila il form sottostante e richiedi un preventivo gratuito. Il nostro team ti ricontatterà
al più presto per definire con te una proposta personalizzata in base alle tue esigenze.

Articoli correlati